5 consigli per pulizie eco-friendly

5 consigli per pulizie eco-friendly

Il rispetto dell’ambiente e la salute del pianeta sono argomenti delicati e sempre attuali, dalle celebrity che si battono per le cause ambientali, ai vari summit sul riscaldamento globale, al tentativo di sensibilizzare contro gli sprechi, questo argomento importante e delicato fa parte delle nostre vite di tutti i giorni. Ma come possiamo, appunto, stare attenti all’ambiente durante le nostre attività quotidiane? Bastano pochi piccoli gesti per ridurre gli sprechi ed essere di aiuto per preservare il nostro amato pianeta, anche quando si fanno le pulizie. Ecco quindi i nostri cinque accorgimenti fondamentali per pulire la propria casa con un occhio di riguardo all’ambiente.

Sì alla pulizia, no allo spreco

In teoria, per evitare di coltivare batteri e germi, bisognerebbe cambiare spugne e stracci una volta alla settimana: questo comporterebbe il consumo di 2800 spugne durante la nostra vita. È davvero necessario? Bisognerebbe cercare di utilizzare materiali ed utensili in base alla loro durata e possibilità di riutilizzo: evitate la carta scottex, riutilizzate vecchie magliette per farle diventare stracci e ricordatevi che, prima di buttare una spugna, potete metterla in lavastoviglie per igienizzarla e usarla di nuovo. Scegliete tipologie di mocio che possono essere lavati e riutilizzati diverse volte, e ricordatevi che molti prodotti provengono dalla plastica riciclata: preferite sempre questi ai prodotti regolari.

Occhio all’etichetta

Molti dei detergenti che usiamo quotidianamente contengono ingredienti pericolosi come la formaldeide ed il cloroformio (ritenuti cancerogeni dalla World Health Organization) ed il Triclosan, un disinfettante molto potente ma potenzialmente tossico. Per questo motivo è buona norma leggere sempre l’etichetta ed informarsi adeguatamente: l’etichetta a volte non è abbastanza, infatti molti prodotti vengono pubblicizzati come “green”, senza alcuna giustificazione concreta (per sapere di più su questa pratica, chiamata “greenwashing”, date un’occhiata qui). Inoltre ricordatevi sempre che non è necessario fare ricorso ad agenti troppo aggressivi per pulire in profondità, alcuni ingredienti naturali sono ideali per la pulizia di diverse superfici, ed i risultati sono altrettanto ottimali, basta la giusta dose di olio di gomito! Per una sicurezza in più sulla qualità dei prodotti, cercate il simbolo della certificazione ICEA, Istituto Certificazione Etica e Ambientale.
icea

I rimedi della nonna: usate prodotti naturali  

Vi parliamo spesso di come diversi ingredienti che abbiamo già in casa possono davvero aiutarci con la pulizia approfondita. Ecco i nostri preferiti:

Aceto e limone: funzionano da agenti sterilizzanti, combattono il calcare e aiutano a contrastare i cattivi odori (soprattutto l’aceto). Possono quindi essere usati per pulire superfici e decalcificare alcune zone; ma attenzione, alcune tipologie di superfici, ad esempio alcuni tipi di pietra, non sono adatte per questo trattamento.

Bicarbonato: perfetto per una pulizia profonda del forno e del bagno. Il procedimento è molto semplice: si diluisce in un po’ d’acqua di modo da formare una pasta, si strofina sulla superficie interessata e lo si lascia riposare per 20 minuti. Questo composto può essere usato su diversi tipi di superficie, tranne quelle colorate. Aggiungetene un po’ all’acqua calda per pavimenti perfetti.

Pulire il vtero unto del forno con bicarbonato

Olio d’oliva (solo poche gocce): dopo la pulizia, è perfetto per lucidare superfici d’acciaio e maniglie delle porte. Per lucidare i mobili, invece, basta mescolare olio, aceto e un cucchiaino di sale grosso; per i legni scuri bisogna sostituire l’aceto con del vino rosso. L’olio è un valido amico contro i lavabi che emanano cattivo odore: dopo averlo mescolato con alcune gocce di un olio essenziale, si versa il composto nel lavandino, e in un attimo la stanza profumerà di fresco!

Chicchi di caffè: perfetti per combattere il cattivo odore in cucina. Posizionando alcuni chicchi sul bancone, in poche ore l’odore sparirà completamente. Questo trucco funziona anche per il frigo e per il cestino dei rifiuti. Mescolando i chicchi con un po’ d’acqua, in pochi secondi si trasformano in un ottimo detergente per piatti: si strofinano con il composto ottenuto, si lasciano a mollo per alcune ore, e dopo il risciacquo saranno splendenti!

No ai profumatori per ambiente sintetici

I profumatori d’ambiente sono diventati una vera e propria moda: venduti in una grande selezione di fragranze e packaging, sono un modo facile per ottenere una casa profumata in un attimo. Ma attenzione: queste fragranze spesso contengono VOC, composti organici volatili, che possono essere dannosi per la salute e l’ambiente. In realtà è molto semplice ottenere uno spray naturale fai da te, mescolando 10 parti di acqua tiepida, una parte di aceto e una dozzina di gocce di olio essenziale; per un profumo più intenso, si può spruzzare anche sui tappeti e sulle tende, oltre a ogni stanza della casa.

Riciclare, riciclare ed ancora riciclare

E’ facile riciclare gli oggetti di uso comune in strumenti per la pulizia: ad esempio, si possono utilizzare i fondi di caffè usati per assorbire l’unto sulle padelle. La mollica di pane non piace a tutti e potreste essere tentati di buttarla via: in realtà è utile per pulire le macchie sui muri e su alcuni tipi di superfici particolari, come le pitture ad olio. Infine, tra i benefici sconosciuti della birra, c’è la possibilità di utilizzarla per ravvivare i mobili in legno, pulire l’argento e perfino marinare la cena!

Chiara si occupa di on-line marketing e contenuti, crede che il mondo sia pieno di persone interessanti e di opportunitá di crescita, per questo ama viaggiare e lo fa non appena le è possibile. Sul blog di Helpling vi darà consigli su come pulire ad abbellire la vostra casa, proprio come farebbe se fosse la sua.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prova Helpling