Dritte e consigli per liberare la casa dalle allergie

Dritte e consigli per liberare la casa dalle allergie

Stiamo finalmente uscendo dall’inverno, ma – è proprio il caso di dirlo – non è tutto rose e fiori! Come ogni anno molti di noi si trovano a dover gestire il fastidioso problema delle allergie. Starnuti, naso che prude, gola irritata, occhi lacrimanti e malesseri di ogni genere? Sappiate che il pericolo di asma, congiuntiviti e reazioni cutanee non è solo causa dei pollini che si trovano all’aria aperta: spesso gli agenti allergici si annidano nelle mura domestiche (un solo grammo di polvere contiene fino a 10.000 allergeni provenienti dagli acari!). Come proteggersi quindi?

Attenzione all’umidità e alla polvere

Il livello di umidità deve sempre essere intorno al 50%. Un ambiente troppo umido infatti favorisce la proliferazione di acari, mentre un ambiente troppo secco aiuta la circolazione della polvere: usate sempre l’aspirapolvere o la scopa elettrica, perché le scope normali spostano polvere e sporco senza risolvere il problema.

Mai trascurare la pulizia del frigorifero

Cercate di comprare frutta e verdura più spesso e in minore quantità, così da limitare il rilascio di acqua: comprate solo quello che vi serve, volta per volta. Per limitare l’accumularsi di acqua, potete anche coprire il fondo del cassetto di frutta e verdura con dei fogli di giornale, che assorbiranno l’umidità. Mantenete anche il sistema di drenaggio sempre pulito e asciutto, così da prevenire la formazione di germi e batteri. (Qui tutti i nostri consigli per pulire il frigorifero a fondo).

frigorifero2

Ricordatevi i filtri

Polvere e lanugine si accumulano molto facilmente nel filtro dell’asciugatrice: tenetelo pulito per evitare che i residui si disperdano negli ambienti causando reazioni allergiche. Lo stesso vale per i filtri dei condizionatori: lavateli accuratamente con abbondante acqua calda e detersivo per i piatti e asciugateli con attenzione. Non dimenticatevi di pulire anche le alette dello split interno rimuovendo tutta la polvere che vi si è accumulata, aiutandovi con un panno cattura-polvere per poi ripassare con un panno umido.

Pulire il filtro dell'asciugatrice

Occhio a oggetti e materiali in cui si deposita l’acqua

Le tende per la doccia o i tappetini possono innescare reazioni allergiche quando rimangono umidi per troppo tempo e inizia a formarsi la muffa. Meglio considerare una doccia con box in plastica o vetro, più semplice da pulire e dove la muffa si accumula meno facilmente. Le reazioni allergiche da muffa non si limitano solo all’asma: in casi estremi, infatti, si può arrivare ad irritazioni sulla pelle o addirittura alla polmonite… prevenire è meglio che curare!

I principali portatori di allergeni siamo noi

Ogni giorno portiamo in casa, tramite le nostre porte d’entrata, polvere e sporcizia dalla strada, alla quale si aggiungono pacchi della posta, vasi con fiori lasciati davanti all’ingresso, la polvere che si accumula sullo zerbino e via dicendo. Per limitare tutto ciò, sarebbe meglio cercare di tenere vasi, portaombrelli ed altri oggetti un po’ più lontani dall’entrata vera e propria, e lavare spesso capelli e vestiti, soprattutto se si è stati a lungo all’aperto, evitando di portare la sporcizia nel letto.

Entrata con tappetino

Limitate il più possibile i tappeti

In alcune stanze della casa i tappeti sono fondamentali e, diciamocelo, a volte aiutano ad arredare un salotto o a dare un tocco di colore in camera da letto. Bisogna però tener presente che i tappeti attirano di tutto, dalla polvere ai peli degli animali, dai capelli alle briciole: la cosa migliore sarebbe di limitare l’uso dei tappeti allo stretto indispensabile. Tra i residui di cibo, la muffa, gli acari e la sporcizia che portiamo in casa con le scarpe, i tappeti si rivelano davvero tane per batteri e germi: se non potete proprio farne a meno, puliteli regolarmente, sbattendoli con forza su entrambi i lati e passandoli poi con un panno imbevuto di acqua tiepida.

tappeti

Dopo aver spolverato, usate un panno umido o il mocio

Dopo aver rimosso dai pavimenti o dai mobili lo strato di polvere con l’aspirapolvere, il piumino o un panno elettrostatico, passate sempre anche un panno umido: questo “intrappolerà” la polvere che potrebbe risollevarsi e volare in giro per la casa.

Curate divani, cuscini, materassi e tessuti di arredo

Il materasso è un altro di quei posti che pullula di acari: lo sapevate che se ne possono trovare al suo interno fino a 10 milioni? L’ideale sarebbe utilizzare regolarmente il battipanni, aspirare la polvere e girare il materasso periodicamente. Un altro accorgimento al quale si può ricorrere è di acquistare lenzuola e coprimaterasso antiallergici, così da proteggere il materasso da acari e polvere, limitando il rischio di asma. Anche divani, cuscini ed altri tessuti vanno puliti periodicamente, non solo con l’aspirapolvere, ma lavando le fodere in lavatrice. Nel caso di materassi e cuscini non sfoderabili, cercate di togliere la polvere con l’aspirapolvere e poi passate su tutta la superficie un panno imbevuto di questa miscela: una tazza di aceto bianco, due tazze di acqua tiepida e quattro gocce di olio essenziale tea tree. E per la camera da letto? Seguite questi consigli!

rinfrescare-camera-da-letto

Non dimenticatevi degli angoli più alti e nascosti

La polvere si accumula molto facilmente su mobili, pensili e armadietti, soprattutto nella parte alta che difficilmente abbiamo sott’occhio: un modo per limitare questo problema è di proteggere queste superfici con dei fogli di giornale e cambiarli una volta ogni tanto. Così eviterete l’accumularsi di sporcizia e polvere e renderete più facile pulire a fondo.

Riordinate e coprite gli oggetti negli sgabuzzini

È molto comodo avere una stanza in casa dove si possono accumulare diversi oggetti: dal ventilatore che torna in uso solo durante i mesi estivi, agli scarponcini da montagna, dalle scorte di prodotti di pulizia, a quel regalo che proprio non ci è piaciuto. Purtroppo, però, più si accumulano cianfrusaglie, più si creano spazi e luoghi amati dalla polvere. È importante pensare a ricoprire gli oggetti e proteggerli da polvere e umidità con fogli di cellophane o altri materiali. Ovviamente è anche buona norma cercare di buttare il superfluo regolarmente.

Busy and cluttered basement or garage

Tenete sempre puliti i peluches

Per quanto i vostri bambini possano amare i loro peluche e pupazzi di pezza, questi sono delle calamite per la polvere. Sarebbe meglio non averne troppi, non lasciarli tutti sul letto e, ovviamente, pulirli con regolarità: lavateli in lavatrice almeno una volta al mese e, se usate l’asciugatrice, ricordatevi di pulire spesso il filtro. Seguite i nostri consigli non solo sulla pulizia di peluches, ma anche per tutti gli altri giocattoli.

Peluches

Evitate di creare luoghi adatti alla polvere

Le veneziane a listarelle di plastica o alluminio sono un vero regno per gli acari: si riempiono facilmente di polvere, sono difficili da pulire e, tutte le volte che si muovono su e giù, la polvere viene sollevata e mandata in giro per tutta la stanza. Molto meglio installare delle tapparelle o optare per un tendaggio leggero che si può facilmente mettere in lavatrice.

Persiane

Posizionate i cestini in un luogo facile da pulire

Vicino ai cestini della spazzatura si possono accumulare residui di cibo e sporcizia che, a contatto con l’umidità, diventano l’ambiente ideale per la formazione dei batteri. Tenete quindi la spazzatura in un luogo facile da pulire regolarmente per evitare il formarsi di germi. E per tenere profumato il bidone della spazzatura, date un’occhiata qui!

Waste-bins1

Evitate di comprare prodotti di pulizia con profumanti forti

Gli additivi usati per la profumazione dei prodotti in commercio sono spesso la causa scatenante di reazioni allergiche. State anche attenti agli altri ingredienti: sono molti gli elementi chimici che potrebbero dare pruriti o irritazioni sulla pelle! Sempre meglio optare per detergenti semplici, senza ammoniaca né profumanti, o ancora meglio utilizzare dei prodotti 100% naturali.

Prendetevi cura delle tende

Considerando che le tende sono il filtro tra l’interno e l’esterno della casa, è facile immaginare come gli allergeni vi si depositino in maniera estremamente semplice. Che siano di cotone, misto cotone o lino, lavate le vostre tende regolarmente a 30 gradi: un ciclo delicato va benissimo, l’importante è farlo spesso. E per superare l’incubo del cambio tende, leggete altri consigli qui!

casa-accogliente

La lavatrice è l’alleata ideale

In questo periodo dove gli allergeni si depositano un po’ ovunque, la lavatrice è fondamentale per combattere il fastidio della rinite e delle allergie in genere: lavando spesso capi e tessuti, infatti, si riduce di molto la presenza di pollini. Per i tessuti più resistenti, selezionate temperature intorno ai 50 gradi: non c’è bisogno di utilizzare quantità eccessive di detersivo, perché è proprio l’acqua ad avere l’effetto maggiore sui pollini. Ricordatevi che la lavatrice va anche pulita regolarmente: qui vi spieghiamo come e perché.

Non dimenticate gli amici a quattro zampe

Vi abbiamo già parlato di quanto sia importante mantenere gli ambienti puliti quando avete un animale in casa. Questo vale ancora di più se qualche familiare è soggetto ad allergie, ovviamente. È importante spazzolare i nostri amici a quattro zampe spesso, in modo che gli allergeni trattenuti dal loro pelo non infastidiscano chi è più delicato. Sappiamo che soprattutto i gatti non sono felici di questo trattamento, ma… non lasciatevi impietosire!

gatto

Non restate in casa subito dopo aver pulito

Per quanto possa sembrare assurdo, mentre si pulisce si alzano moltissime particelle di polvere: lasciando la casa per qualche ora, fate sì che queste si “ristabilizzino”. Così non vi ritroverete a respirare la polvere mandata in giro da spolverini e panni elettrostatici.

E’ per questo che vi consigliamo di prenotare un addetto attraverso Helpling: sarà lui ad occuparsi di rimettere a lucido la casa e voi potrete uscire e godervi la primavera!

Giulia si occupa di contenuti e social media e ama parlare con ogni tipo di persona per scoprire curiosità e piccoli trucchi che possano aiutare a migliorare la vita di tutti i giorni. Sul blog di Helpling vi racconterà quello che impara dalle persone che incontra e vi darà consigli per gestire al meglio la vostra casa e i vostri oggetti preferiti.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prova Helpling