Cosa fare e non fare per lavare i reggiseni correttamente

Cosa fare e non fare per lavare i reggiseni correttamente

Quante volte è capitato anche a voi di rimuovere il vostro reggiseno preferito dalla lavatrice, solo per accorgervi che la coppa si è completamente rovinata e sformata? O ancora peggio, che le spalline hanno perso tutta la loro elasticità? Altre volte si tratta semplicemente del colore sbiadito, o di inserti persi, o ganci che si incastrano l’un l’altro… insomma, lavare il reggiseno può spesso rivelarsi un terno al lotto. Nonostante si possano spendere parecchi soldi per l’acquisto di un buon reggiseno, c’è da ammettere che molte di noi non sappiano bene da dove cominciare per un lavaggio corretto.

Come al solito vi veniamo in aiuto noi con i nostri preziosi consigli: seguite la nostra guida per lavare i vostri reggiseni prendendovene cura e proteggendoli, garantendo una lunga durata!

Quanto spesso bisogna lavare il reggiseno?

reggiseno-sportivo

Ammettetelo: anche voi siete colpevoli di indossare lo stesso reggiseno per tutta la settimana, ma pensate alla quantità di sudore che vi si accumula – subito vi sembrerà sensato lavarlo più spesso. L’acidità contenuta nelle particelle di sudore favorisce l’espandersi dei batteri: per questo motivo è consigliabile lavare il reggiseno una volta che lo si è indossato tre/quattro volte, a meno che abbiate sudato molto dopo un allenamento. Il reggiseno sportivo ovviamente va lavato più spesso!

Cosa non fare assolutamente quando si lava il reggiseno?

La maggior parte dei reggiseni sono realizzati con materiali fragili come pizzo, raso o seta, e, pertanto, devono essere trattati con speciale cura. Inoltre, dei lavaggi in eccesso potrebbero danneggiarne l’elasticità, che è essenziale per fornire un adeguato sostegno.

Da evitare:

  • Mettere i reggiseni nell’asciugatrice. La centrifuga ed il movimento dell’asciugatrice possono danneggiare la forma e l’elasticità del reggiseno
  • Lavare i reggiseni con altri vestiti. Essendo fatti di materiali delicati, i reggiseni non sopportano un lavaggio “normale”. Assicuratevi di lavarli con materiali simili, ad un ciclo di massimo 30 gradi
  • Mettere i reggiseni in lavatrice senza alcuna protezione. È sempre meglio mettere i reggiseni in uno di quei sacchetti appositi (solitamente fatti di rete) per evitare che durante la centrifuga ed il lavaggio i ganci e le bretelline si aggroviglino tra di loro o con altri vestiti.

Che cosa è importante ricordare?

reggiseni-appesi-ad-asciugare

  • Ogni reggiseno è realizzato in modo diverso, con materiali diversi, quindi è importante leggere sempre le etichette e seguire le istruzioni di lavaggio
  • Allacciate sempre i ganci prima di mettere il reggiseno in lavatrice, per evitare che si impiglino tra di loro o che si ingarbuglino con altri indumenti
  • Cercate di usare sempre un detergente delicato, e di non esagerare con le quantità
  • Quando dovete asciugare, districatelo, togliete l’acqua in eccesso e mettete le coppe in forma. Evitate di far asciugare i reggiseni appendendoli, perchè questo potrebbe allargarli e deformarli: usate invece una superficie piana
  • Quando riponete i reggiseni nel cassetto cercate di usare la tecnica che usano in negozio, mantenendo le coppe in forma.

E voi? Avete qualche consiglio infallibile sul lavaggio dei reggiseni? Condividetelo con noi nei commenti qui sotto!

 

Chiara si occupa di on-line marketing e contenuti, crede che il mondo sia pieno di persone interessanti e di opportunitá di crescita, per questo ama viaggiare e lo fa non appena le è possibile. Sul blog di Helpling vi darà consigli su come pulire ad abbellire la vostra casa, proprio come farebbe se fosse la sua.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prova Helpling